Letture : 568

RELAZIONANDO

0

Tornamo un pò indietro, alle dichiarazioni dei giorni scorsi sull’emergenza, poi scongiurata, dei rifiuti in città.

http://www.ragusaoggi.it/il-pd-con-dasta-rilancia-sui-rifiuti-la-colpa-e-di-piccitto/

Lo sappiamo, non valeva la pena nemmeno rispondere.

In realtà è perchè, per Mario D’Asta, proviamo un particolare affetto.

Il nostro renziano doc, che racconta una storia talmente divertente (non la realtà, figurarsi) e ci crede talmente tanto, che è quasi un piacere riportarlo, con pazienza ed impegno, con i piedi per terra. Come del resto, a quanto pare, stanno facendo altri nei confronti delle sue (presunte, per carità) velleità da “candidato sindaco in pectore”. Altri, intendiamo, del suo stesso partito, il Pd.

Sulla quarta vasca, raccolta differenziata ridotta ed aumento delle tasse, oggetto degli strali di D’Asta nei confronti dell’amministrazione comunale di Ragusa, abbiamo già risposto al segretario dell’Unione Cittadina del Pd. Ubi maior, D’Asta lo capirà, minor cessat.

Solo su una cosa, non possiamo tergiversare. E’ una novità, tra i tanti interventi di questi giorni, ma vale la pena rispondere e spiegare al renziano d’assalto.

Ed è questo passaggio:

“Era stato chiesto il rafforzamento e l’ampliamento della terza vasca per assicurare la prosecuzione di utilizzabilità del sito. Ma anche in questo caso le risposte che sono arrivate non sono state per nulla soddisfacenti”.

Caro D’Asta, l’ampliamento della terza vasca è in atto da oltre due anni. Quasi tre. Grazie alla costanza di Antonio Zanotto. Oltre, non si può andare. Da 385.000 mc di abbancamento si è passati a quasi 512.000 come da ultimo progetto presentato alla Regione e che attende, da tempo immemore, l’AIA. Più di così, per legge, non è possibile fare. A meno che non si vada contro la legge.

Per il resto, basta leggere le risposte al segretario dell’Unione Cittadina del Pd.

Una spiegazione che si sentivamo di dare in attesa che il Sindaco relazioni in Consiglio Comunale, come chiesto dal renziano doc: lo facciamo per Mario. Così gli viene più facile seguire.

Share.

Leave A Reply